28
Giu
Ancora divertimento e passione al Raduno nella Terra degli Orsi

Quest’anno il “Raduno nella Terra degli Orsi” è tornato nei suoi luoghi d’origine: Villalago, da dove era iniziato 6 anni fa.

 

Dopo l’escursione più a valle (guarda caso Valle Reale) della scorsa edizione, abbiamo voluto far tornare i nostri amici nel paese che ospita la nostra sede, e, con lo scopo di valorizzare e far conoscere questi luoghi incantevoli, abbiamo indetto il concorso fotografico intitolato “La mia auto a Villalago”.

Ma, cominciando dall’inizio, il pomeriggio del sabato 13 giugno ritrovo nella piazza principale del paese, dove si sono svolte le iscrizioni con 20 auto presenti, che hanno sfilato in corteo per le rive del lago al tramonto, fino a Scanno, per poi parcheggiare di nuovo nella piazza e fare da sfondo, insieme con la scalinata del  paese alla tavolata allestita all’aperto per una cena informale e romantica, all’aperto.

Per fortuna il clima ci ha premiato ancora una volta, quindi la temperatura era gradevole anche senza più il sole.

Dopo cena una gara di precisione con road book da seguire (ma con percorso come sempre semplice anche per i meno esperti….nessuno si è perso per le montagne!!!!), e poi nel breve circuito messo a disposizione del Comune di Villalago che sempre ringraziamo, una prova a cronometro con rilevamento del tempo di passaggio a pressostato.

La collocazione della prova, proprio sotto Piazza Celestino Lupi, ha permesso agli iscritti ed ai curiosi di assistere dall’alto alla gara, con visibilità e sicurezza per tutti.

La domenica, invece, le vetture partecipanti sono state 35, quindi ottima risposta all’invito, e nel frattempo in cui gli equipaggi andavano alla scoperta dei panorami più belli da fotografare con i loro mezzi, si poteva ammirare una mostra di modellismo in una sala appositamente allestita.

Questo dimostra che il nostro sforzo è indirizzato a creare sempre nuove attrattive e nuovi spunti, come è avvenuto sia per il concorso ad immagini, sia per la mostra: specie per quest’ultima, essendo partita l’idea dal nostro amico compaesano Paolo Iafolla, speriamo di poterla riproporre il prossimo anno confermando l’adesione di tutti gli espositori che erano stati invitati (ma evidentemente titubanti, all’ultimo momento si sono defilati).

Sarebbe bello farla diventare una mostra-scambio che richiami gli appassionati di questo settore che nella zona non hanno altre possibilità di incontro.

Premiati i primi cinque classificati alla prova di precisione ed i primi tre al concorso fotografico.

Grande la soddsfazione nel constatare che diversi equipaggi si sono iscritti per la prima volta ad una manifestazione del nostro club, ampliando così la cerchia di amici delle…Vecchievalvole!

 Tutte le immagini visibili cliccando sull'immagine... 

 

 

28
Gen
Il mondo è davvero piccolo...

E chi se lo aspettava? E' proprio il caso di dirlo, perchè sono cose che capitano ma, in questo caso, non me lo aspettavo da una persona con cui si hanno rapporti di lavoro quotidiani. E proprio per questo motivo che mi piacerebbe raccontare questo episodio.

 

Stavo sul mio posto di lavoro e viene nel mio reparto Carmelo per parlarmi delle solite cose come sempre da mesi e mesi a questa parte, solo che, casualmente, faccio una battuta che riguarda le “vecchiette”, e da lì la sorpresa mista a stupore: anche lui amante delle auto d'epoca.

Iniziamo un discorso che ci ha tenuti più di mezz'ora parlando di auto, motori e anni passati, di come non riesce a far capire ai suoi coetanei l'importanza e la storia che ha un singolo modello che ancora oggi ispira i designers (vedi l'Alfa 4C ispirata alla 33 Stradale del 1967), o come una grande industria ha prodotto auto che ancora oggi sono costruite in altri paesi, e tanto altro ancora.

Ma perchè era venuto nel mio reparto? … completamente dimenticato.

Ma oltre a questo abbiamo scoperto di avere in comune tante altre cose: è di Barrea, meta di molte delle nostre passeggiate, nonché meta di un nostro raduno ufficiale e proprio quel giorno venne ad ammirare la carovana di auto parcheggiate fuori il ristorante (e vide anche il mio spiderino); conosce qualcuno dei membri del club; ha 25 anni ed è preparatissimo sull'argomento, cosa rara per persone della sua età. E queste sono solo alcune delle cose che ho scoperto (l'elenco è molto più lungo).

Ma non è tutto: mi ha fatto promettere che il prossimo raduno o giro devo portarlo con me e fargli guidare il mio duetto.

 

Tranquillo: il primo giro del 2015 starai tu alla guida.

 

 Sarà nata una bella amicizia oltre il rapporto di lavoro?

 

 

PS: Carmelo è quello con tanti capelli...

10
Gen
SPIRITO LIBERO

In questi giorni in cui, appena usciti dal clima delle feste natalizie, qualcuno ci ha riportato bruscamente ad una cruda realtà, ognuno esprime la propria solidarietà alle vittime degli attacchi terroristici che hanno sconvolto la Francia.

Fra i vari commenti, le immagini e le testimonianze a favore dei giornalisti di Charlie Hebdo, questa è quella in tema con il nostro ambiente. 

Pubblicata sulla pagina facebook di un certo "NaBabbo Natale", è stata elaborata proprio da questi, riprendendo una pubblicità della Renault 4 dei primi anni '80, che, guarda caso, risulta a firma di un certo Wolinski, una delle vittime della strage nella redazione del giornale.

Insomma: JE SUIS CHARLIE